Recensione: “La foresta d’acqua” di Kenzaburō Ōe

Recensione: “La foresta d’acqua” di Kenzaburō Ōe

Buona giornata miei cari amici lettori, oggi voglio parlarvi di questa lettura dello scrittore premio Nobel per la letteratura, Kenzaburō Ōe. È stata una lettura non facile, a cui ho dovuto prestare particolare attenzione, ma che ho decisamente apprezzato.

Scheda tecnica

La foresta d’aqua

Autore: Kenzaburō Ōe
Genere: Narrativa domestica
Editore: Garzanti
Data di uscita: 07/11/2019
Formato: Cartaceo
Anno pubblicazione: 2019
Pagine: 479

Acquista: Libro   | Ebook   

Trama

La tempesta imperversa sul fiume, ma la luna buca la coltre di nubi e illumina a giorno la figura di un uomo inghiottito dalle onde. È questo il sogno che tormenta Choko Kogito da quando suo padre è annegato, anni prima, proprio in quelle acque. Da allora, ha cercato di affidare alle pagine di un romanzo il senso di smarrimento che ancora prova, ma non ci è mai riuscito. Finché sua sorella Asa lo invita a tornare nella valle natia dello Shikoku: ad attenderlo c’è una valigia rossa che contiene alcuni documenti del padre che potrebbero aiutarlo a sciogliere i nodi del suo passato e a mettere fine a una crisi d’ispirazione durata troppo a lungo. Kogito non esita un istante a lasciare Tokyo per tornare nel luogo in cui è cresciuto. Qui, giorno dopo giorno, cerca di trovare un senso a eventi che la sua immaginazione ha ormai trasfigurato e di mettere ordine dentro sé stesso. Ma si rende conto che da solo non può riuscirci. Ha bisogno di qualcuno con cui condividere le difficoltà e che sia in grado di guidare il suo sguardo nella giusta direzione. Ed è nella giovane Unaiko che trova l’aiuto desiderato. Come lui, l’aspirante attrice nasconde profonde fragilità e sa cosa significhi passare la vita alla ricerca di un finale che tarda ad arrivare. Dopo il loro fortuito incontro, Kogito e Unaiko iniziano a collaborare alla stesura di una complessa sceneggiatura teatrale. Perché sono convinti che unendo le forze potranno ritrovare la linfa creativa necessaria a dar voce a ciò che finora è stato solo silenzio.

La foresta d’acqua, una delle ultime uscite del premio Nobel per la letteratura Kenzaburō Ōe è una lettura dalle mille sfaccettature.

Approcciarvisi richiede un certo impegno per individuare tutti i sostrati dell’opera. Per una più profonda comprensione credo sia necessario conoscere la vita dell’autore in quanto in questo romanzo il protagonista non è altro che l’alter ego dell’autore.

I fatti e le tematiche narrate prendono, infatti, spunto da avvenimenti davvero accaduti a Kenzaburo e vengono rielaborati in modo da dargli più ampio respiro.

Il romanzo parte dal protagonista Kogito alle prese con la stesura del suo ultimo romanzo “Il romanzo dell’annegamento” sua opera ultima che vuole narrare l’episodio della morte del padre avvenuta fuggendo in barca nel fiume in tempesta. Il romanzo tarda ad arrivare perché a Kogito mancano informazioni preziose di quella notte, che egli pensa di trovare solo nella valigetta rossa custodita da sua madre.

L’occasione di mettere finalmente mano sull’agognata valigia si presenta dopo la morte della madre, quando sua sorella Asa lo invita nello Shikoku, sua città natale consegnandogli la valigia. Il ritorno a casa coinciderà con il riprendere in mano quei ricordi ormai trasfigurati in sogni.

Il lavoro di Choko Kogito si intreccerà con la compagnia del Caveman Group impegnata a ricreare dall’ultimo romanzo dell’autore un’opera teatrale summa di tutte le sue opere precedenti. Il progetto però naufragherà nel momento in cui Choko si renderà conto di non poter scrivere “Il romanzo sull’annegamento” e abbandonerà la sua opera.

Dalla compagnia però emerge il personaggio di Unaiko che insieme alla sorella di Kogito sarà l’espressione del femminismo che troviamo nel romanzo, ma soprattutto sarà lei ad incarnare le tematiche della violenza sulle donne e sui bambini, mettendo in scena uno spettacolo che narra avvenimenti vicini a quello che è successo alla stessa Unaiko.

Insieme a tutto scorgiamo il tema della paternità, non solo sublimato negli eventi della morte del padre di Kogito, ma anche nel suo rapporto con il figlio Akari afflitto sin dalla nascita da una lesione celebrale, altro tema che Kenzaburo riprende dalla sua vita reale. Per cui troviamo una paternità che deve fare i conti con la disabilità vista ancora con grandi pregiudizi.

Se da un lato si riscontrano tutti temi legati all’individualità e soggettività dei personaggi emerge comunque una visione comunitaria in cui le vicende narrate e in particolar modo quelle legate all’annegamento del padre di Choko Kogito si legano alla storia del Giappone e al suo ricordo.

Un libro complesso improntato su una narrazione che scorre lenta e molto spesso ripetitiva, una ripetitività che rallenta molto la lettura, ma che si nota subito essere una scelta stilistica dell’autore. Kenzaburo, inoltre, riesce ad affrontare ogni singola tematica tematica in modo profondo non lasciando nulla sulla superficie, ma scavando quanto vi è sotto e le lega insieme attraverso una narrazione esemplare.

Il fiume più lungo scorre dentro di noi. Solo risalendo la corrente possiamo conoscere la verità

– La foresta d’acqua –

L’autore: Kenzaburō Ōe

1935, Isola di Shikoku (Giappone)

Scrittore giapponese, Kenzaburo Oe ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1994, oltre a numerosi altri riconoscimenti tra cui il premio Europalia e il premio Mondello. Sempre presente nella vita pubblica, ha fatto sua la campagna contro l’energia nucleare. A ventidue anni ha vinto il premio Akugatawa per il racconto Animale d’allevamento. Nel 1961 scrisse Seebuntiin in cui descriveva l’ambiente del fanatico estremismo nazionalista di destra. Nel 1963 nacque il suo primo figlio Hikari (Luce), affetto da una gravissima lesione cerebrale. Quest’eperienza lasciò una traccia profonda nella sua opera. Con Un’esperienza personale (1964) Oe descrive la vicenda di un padre che rifiuta la menomazione del figlio e pensa di ucciderlo. Il libro è un atto d’accusa contro i pregiudizi sociali nei confronti dell’handicap. Nel 1967 vinse il premio Tanizaki con Il grido silenzioso, mentre nel 1996 il Premio Grinzane Cavour. Tra le altre sue opere ricordiamo: Il salto mortale (Garzanti 2006), Insegnaci a superare la nostra pazzia (Garzanti 2009), La vergine eterna (Garzanti 2011), L’eco del paradiso (Garzanti 2015) e La foresta d’acqua (Garzanti 2019).

Seguimi su…

Recensione: “La donna dal Kimono bianco” di Ana Johns

Recensione: “La donna dal Kimono bianco” di Ana Johns

Buongiorno miei cari amici lettori, vi porto anche oggi una nuova recensione! Piano, piano sto recuperando gli arretrati e per la serie storie ambientate nel Sol Levante, oggi voglio parlarvi del romanzo di Ana Johns, La donna dal kimono bianco.

Scheda tecnica

La donna dal kimono bianco

Autore: Ana Johns
Genere: Narrativa straniera
Editore: Tre60
Data di uscita: 09/01/2020
Formato: Cartacea
Anno pubblicazione: 2020
Pagine: 352

Acquista: Libro   | Ebook 

Trama

Giappone, 1957. Il matrimonio combinato della diciassetten­ne Naoko Nakamura con il figlio del socio di suo padre garan­tirebbe alla ragazza una posizione sociale di prestigio. Naoko, però, si è innamorata dell’uomo sbagliato: è un marinaio americano, quello che in Giappone vie­ne definito un gaijin, uno straniero. Quando la ragazza scopre di essere incinta, la comprensione e l’affetto che sperava di trovare nei genitori si rivelano soltanto un’illusione. Ripudiata da chi dovrebbe starle vicino, Naoko sarà costretta a compiere scelte inimmaginabili, per qualunque donna ma soprattutto per una madre…
 
Stati Uniti, oggi. Tori Kovac è una giornalista. Men­tre si prende cura del padre, anziano e gravemente malato, trova una lettera che getta una luce sconvolgente sul passato della sua famiglia. Alla morte del padre, decisa a scoprire la verità, Tori intraprende un viaggio che la porta dall’altra parte del mondo, in un villaggio sulla costa giapponese. In quel luogo così remoto sarà costretta a fronteggiare i demoni del suo passato, ma anche a riscoprire le proprie radici…

“Cos’è la verità se non una storia che raccontiamo a noi stessi?” Scriverà ad un certo punto Ana Johns in questo suo romanzo d’esordio, ed è proprio di verità nascoste tra le righe di un romanzo che parliamo.

L’autrice prendendo spunto da avvenimenti accaduti alla sua famiglia ci racconta la storia del Giappone anni ’50 quando il pregiudizio e il risentimento nei confronti dei soldati americani di stanza nel territorio era ancora molto forte.

In un coro a due voci, quella di Tori giornalista americana che insegue la storia del passato di suo padre dopo la sua scomparsa e quella di Naoko giovane diciassettenne giapponese che si innamora proprio di chi non avrebbe dovuto, l’autrice ci narra le vicende di tutte quelle donne che alla fine della guerra si sono innamorate, contrariamente all’opinione comune e delle famiglie, di un soldato americano. Ma soprattutto ci racconta la triste e drammatica storia dei bambini nati da queste unioni.

Attraverso una scrittura limpida, scorrevole la Johns ci regala un’intensa storia di amore, coraggio e solidarietà femminile. Tratteggia con mano precisa la giovane Naoko che tra le due protagoniste della storia è quella meglio strutturata e del resto il personaggio di Tori sembra nascere più che altro con la funzione di raccontare la storia di Naoko. Due donne che attraverso il tempo sono legate da un filo comune che solo la verità può portare a galla.

Un’immersione totale in una storia che tocca l’anima e svela uno tra i più tristi retroscena legati alle conseguenze della seconda guerra mondiale in Giappone, ma che per certi aspetti rimane distante dalla prosa giapponese. Gli ambienti e le atmosfere del paese del Sol Levante sono molto curate, sicuramente frutto di numerose ricerche da parte dell’autrice, ma i personaggi seppur descritti molto bene risultano nei modi troppo americanizzati; lontani da quella caratterizzazione degli autori giapponesi.

D’altronde descrivere un altrove che non ci appartiene è molto spesso difficile, ma la cura che l’autrice mette nel narrare questi eventi ci regala nonostante tutto un romanzo di un’intensità unica: un inno a guardare oltre il pregiudizio e a seguire le leggi del cuore.

“Come faccio a sapere quale strada prendere? Come faccio Okaasan?”
“Prendere quella giusta è destino. Prendere quella sbagliata è pure destino. Perciò devi scegliere il tuo amore ed essere pronta ad amare la tua scelta

– La donna dal kimono bianco –

L’autrice: Ana Johns

Nata e cresciuta a Detroit, Ana Johns ha studiato giornalismo e lavora da oltre
vent’anni del campo delle arti creative. 
La donna dal kimono bianco (Tre60, 2020) è il suo romanzo di esordio,
basato su eventi realmente accaduti, anche alla sua famiglia.

Seguimi su…

Recensione: “Le ricette della signora Tokue” di Durian Sukegawa

Recensione: “Le ricette della signora Tokue” di Durian Sukegawa

Buona giornata miei cari amici lettori, la recensione di oggi ci riporta nel mio amato Giappone attraverso il racconto di Durian Sukegawa, Le ricette della signora Tokue.

Scheda tecnica

Le ricette della signora Tokue

Autore: Durian Sukegawa
Genere: Narrativa straniera
Editore: Einaudi
Data di uscita: 16/04/2019
Formato: Cartacea
Anno pubblicazione: 2019
Pagine: 192

Acquista:  Libro   |  Ebook   

Trama

Qual è la ricetta della felicità? È una questione di spezie e calore, di ascolto e confessione, di zucchero, di briciole di sogni e, alla fine, di un pizzico di sale. «Si tratta di osservare bene l’aspetto degli azuki . Di aprirsi a ciò che hanno da dirci. Significa, per esempio, immaginare i giorni di pioggia e i giorni di sole che hanno vissuto. Ascoltare la storia del loro viaggio, dei venti che li hanno portati fino a noi». Questo è il segreto culinario un po’ bizzarro che custodisce l’anziana signora Tokue. Ascoltando la voce dei fagioli rossi azuki si può imparare a fare il ripieno perfetto per i dorayaki , tipici dolci giapponesi che si sciolgono in bocca e fanno dimenticare il peso delle preoccupazioni. Tokue rivela il proprio segreto a Sentarō, un pasticciere in crisi di vocazione, che accetta di assumerla nel suo laboratorio dopo aver assaggiato la sua sublime confettura an. E vede gli affari raddoppiare. Tokue gli rivela però anche un altro segreto, quello del suo passato. Impartendo cosí a Sentarō una lezione ben piú profonda e preziosa.

Le ricette della signora Tokue è uno di quei libri che non puoi fare a meno di leggere. Un racconto di una delicatezza disarmante condito con la dolcezza dei dorayaki e della confettura an.

Un racconto che sin dalle prime pagine è riuscito ad entrarmi dentro nella sua semplicità e delicatezza, come sempre gli autori giapponesi sono riusciti a non deludermi e lo so che posso sembrare di parte perché amo la letteratura e la cultura giapponese, ma non posso fare a meno di non rimanere coinvolta dal loro modo di descrive gli aspetti più profondi dell’esistenza con una scrittura che sembra poesia.

Fa questo, Durian Sukegawa in questo libro in cui temi come il pregiudizio, l’amicizia, la capacità di ascolto e di aprirsi all’altro ci vengono narrati con una sensibilità che tocca le corde del cuore.

Sentarō, lavora in un negozio di dorayaki, il Doraharu, eppure a lui i dolci non piacciono per niente, quello che lo spinge giorno dopo giorno a continuare a lavorare in quel posto è solo il debito che ha con i proprietari del negozio.

L’incontro con la signora Tokue stravolgerà completamente il modo di vedere e concepire la preparazione dei dorayaki, ma soprattutto della confettura an con cui sono farciti. Sarà lei a mostrargli che la vita, nonostante tutto, ha un senso e lo farà proprio attraverso la preparazione meticolosa della confettura di fagioli azuki.

E in questo intrecciarsi di vite e storie vissute i due creeranno un legame solido, un’amicizia che andrà oltre il pregiudizio comune e che si aprirà ad un terzo personaggio: la giovane Wakana, una ragazza taciturna e solitaria.

Un racconto agrodolce, dove il pregiudizio della società annienta le vite altrui, che, però, riescono a trovare un riscatto nella capacità di aprirsi all’altro e alla vita.

Breve commento sul film

Dopo aver letto il libro, mi è capitato di scoprire anche l’esistenza del film e ovviamente non potevo non guardarlo!

Pur avendo preferito il libro, come spesso capita, ho trovato il film molto aderente alla trama con protagonisti che hanno saputo rendere i personaggi proprio come me li ero immaginata mentre leggevo.

La regista Naomi Kawase è riuscita a rendere perfettamente il senso della storia e ammetto che mi sono commossa nel vederlo.

Noi siamo nati per guardare e ascoltare il mondo. E il mondo non desidera altro. Perciò anche se non potevo diventare insegnante o lavorare, il mio essere venuta al mondo aveva un senso
– Le ricette della signora Tokue –

L’autore: Durian Sukegawa

Durian Sukegawa, nome d’arte di Tetsuya Sukekawa,
è nato a Tokyo nel 1962. Poeta, scrittore e clown,
ha una laurea in Filosofia Orientale e una in Pasticceria,
conseguita all’Università della Pasticceria del Giappone.
Per Einaudi ha pubblicato Le ricette della signora Tokue (2018),
il suo primo libro tradotto in italiano, da cui è stato tratto il film 
Le ricette della signora Toku, diretto da Naomi Kawase e
presentato al Festival di Cannes nel 2015.

Seguimi su…

Recensione: “Un lavoro perfetto” di Tsumura Kikuko

Recensione: “Un lavoro perfetto” di Tsumura Kikuko

Scheda tecnica

Un lavoro perfetto

Autore: Tsumura Kikuko
Genere: Narrativa straniera
Editore: Marsilio
Data di uscita: 03/06/2021
Formato: Cartaceo
Anno pubblicazione: 2021
Pagine: 320

Acquista: Libro Ebook 

Trama

Nel suo ruolo di consulente del lavoro, la signora Masakado è abituata a incontrare le persone più stravaganti, ad accogliere le richieste più insolite, e in genere è in grado di accontentare tutti. Così, quando una giovane donna si presenta presso la sua agenzia, è sicura di avere l’offerta adatta a lei. Dopo essersi licenziata in seguito a un esaurimento nervoso, la donna sembra infatti avere le idee molto chiare su ciò che vuole: oltre a essere vicino a casa, il nuovo impiego dovrà prevedere solo mansioni semplici e non offrire prospettive di carriera; dovrà essere, insomma, del tutto privo di sostanza, al limite tra il gioco e l’attività seria. Nelle singolari occupazioni che si prende in carico – dal sorvegliare uno scrittore sospettato di attività di contrabbando a inventare consigli che impreziosiscono la confezione di una marca di cracker di riso –, la neoassunta cerca soprattutto di non lasciarsi coinvolgere troppo. Ma nel suo saltare da un posto all’altro, nel suo acquisire regolarmente più responsabilità di quelle desiderate e ruoli più complicati del previsto, le diventa sempre più chiaro che non solo il lavoro perfetto non esiste, ma che quello che sta veramente cercando è qualcosa di molto più profondo. Ogni cambiamento comincia così a rappresentare una nuova fase di crescita interiore, fino alla consapevolezza che in tutto ciò che si fa c’è qualcosa di magico, di unico e di appagante, e che dobbiamo solo trovare (o non perdere) l’energia per riconoscerne la bellezza. Ironico e tenero, il romanzo di Tsumura Kikuko è una commedia dolceamara che, con la leggerezza, l’umorismo deliziosamente paradossale e un pizzico di surrealismo, tipici di tanta letteratura giapponese, racconta della ricerca, spesso vana, di un senso nel mondo del lavoro di oggi. Con un finale a sorpresa.

Ciao a tutti miei cari lettori per la serie #Giappapost, oggi vi porto la recensione di questo romanzo di Tsumura Kikuko, uscito quest’anno per la Marsilio Editore.

Ho acquistato questo libro intrigata dalla trama e dal tema. Quanti di noi oggi si trovano invischiati con le problematiche legate al lavoro? Credo di poter dire molti di noi, sicuramente io sì ed è per questo che già dalla trama mi sono ritrovata in questa storia.

Il mondo di oggi, specialmente la parte legata al mondo del lavoro è decisamente caotica e piena di problemi e rischia di mandarci in crisi come è successo alla protagonista del nostro romanzo.

L’autrice con una scrittura semplice ed ironica ci porta nella vita della protagonista che decide di dimettersi dal proprio lavoro, svolto per ben quattordici anni, a causa di un esaurimento nervoso. Sapendo di non poter vivere senza lavorare decide di svolgere unicamente lavori semplici in cui sia difficile farsi coinvolgere.

Passando, però, da un lavoro all’altro si renderà ben presto conto che questo suo desiderio sembra impossibile e trovandosi invischiata in situazioni a volte al limite del surreale riuscirà a comprendere quale sia la sua strada e che il lavoro perfetto non esiste.

Ho apprezzato molto il modo di scrivere dell’autrice, era il suo primo romanzo che leggevo, ma devo dire che non mi ha per niente delusa. È stata una lettura divertente che allo stesso tempo mi ha dato modo di riflettere portandomi alla consapevolezza che non bisogna sempre avere il controllo su tutto, che qualsiasi lavoro ha i suoi alti e bassi e che non bisogna sempre essere dei supereroi, ma che l’importante è fare del nostro meglio e saper accettare anche le nostre debolezze.

Non ho intenzione di farmi coinvolgere più di quanto sia strettamente necessario. Ho smesso con certe cose
– Un lavoro perfetto –

Seguimi su…

Recensione: “Ogni giorno è un buongiorno” di Noriko Morishita

Recensione: “Ogni giorno è un buongiorno” di Noriko Morishita

Ogni giorno è un buongiorno

Autore: Noriko Morishita
Genere: Saggi letterari
Editore: Einaudi
Data di uscita: 28/01/2020
Formato: Cartaceo
Anno pubblicazione: 2002

Acquista: Libro Ebook

Trama

Non lo sapeva nemmeno Morishita Noriko quando, ventenne, cominciò a frequentare le lezioni della signora Takeda per eseguire la cerimonia del tè. Né sapeva che quelle prime lezioni erano l’inizio di un cammino che sarebbe durato tutta la vita. Ogni giorno è un buon giorno è il racconto di una tradizione antichissima, dei suoi rituali, della sua filosofia piú profonda e delle gioie che può regalare. A tutti noi. «Ci sono cose che puoi provarci quanto e come vuoi ma non le capisci finché non arriva il momento giusto. Però quando poi un giorno le capisci, dopo non puoi far finta di niente». La cerimonia del tè è uno dei riti tradizionali piú affascinanti del Giappone. I monaci buddisti del sedicesimo secolo hanno codificato ogni passaggio di questo rituale che, attraverso i gesti piú semplici, chiama i partecipanti a concentrarsi sulla profonda ricerca di se stessi. Con quella sua ritualità che immutata attraversa i secoli, la cerimonia del tè sembra qualcosa di molto lontano dalla vita di tutti i giorni. Lo sembrava anche a Morishita Noriko quando, studentessa svogliata e indecisa sulla strada da intraprendere, su consiglio della madre prese a frequentare un corso sulla cerimonia del tè. Non sa che quelle prime lezioni sono l’inizio di un viaggio che durerà tutta la vita. I momenti dedicati alla cerimonia del tè, ai suoi riti, alla meditazione che impone e, contemporaneamente, dischiude diventano momenti per trovare un senso alle prove che la vita mette davanti a Noriko: un matrimonio annullato poche settimane prima della cerimonia, il tentativo di conciliare il lavoro con il privato, un trasferimento oltreoceano… il caos della vita si riconcilia nel tempo concentrato di una tazza di tè.

Miei cari amici lettori eccomi tornata con una nuova recensione e per la precisione con un #giappapost, cioè un’altra delle mie letture ambientata in Giappone scritto da un’autrice giapponese.

Più vado avanti con la lettura di autori del Sol levante, più rimango incantata dal loro modo di scrivere, ovvio ci sono pur sempre delle eccezioni, ma quasi tutti quelli che ho letto mi sono piaciuti e questo non fa eccezione.

Ogni giorno è un buongiorno è un longseller, ossia è un libro che da quando è uscito è rimasto sempre in cima alle classifiche e se ne capisce il motivo leggendolo. È una lettura dai tratti autobiografici in cui l’autrice ci parla della cerimonia del tè e di come questo rito che fa parte della tradizione si intrecci con i cicli delle stagioni, ma soprattutto con le stagioni della vita.

La narrazione, infatti, si snoda tra i 20 e i 50 anni dell’autrice, ossia da quando ha iniziato ad apprendere la cerimonia per la prima volta fino a quando è diventata maestra a sua volta. Una lettura che ci porta dentro la sua vita che può essere la vita di ognuno di noi; infatti devo ammettere che in molti suoi pensieri e in alcune delle sue esperienze mi ci sono ritrovata, è stato un po’ come guardarsi allo specchio.

Ed essenzialmente è stato solo questo, perché questo non è un libro che da risposte, ma che pone domande al quale ognuno può rispondere come meglio crede, perché nella cerimonia del tè non c’è un giusto e sbagliato tranne nell’esecuzione del rito stesso che ha regole molto rigide, ma soprattutto non c’è un tempo. Ognuno può arrivare a comprenderla nel momento più opportuno per lui perché come dice l’autrice stessa “il tè accoglie ognuno di noi così com’è”.

È stata una lettura intensa che mi è entrata dentro e che penso sia arrivata nel momento giusto come solo i migliori libri sanno fare. D’altra parte è stata anche una lettura difficile: sebbene io sia ormai abituata a molti termini giapponesi e ne conosca il significato, in questo caso mi sono imbattuta in termini completamente nuovi che fanno parte della cerimonia e sono stata costretta molte volte a fare avanti e indietro tra la narrazione ed il glossario per capire appieno quest’arte.

Mi sono dovuta quindi soffermare più a lungo nella lettura di alcune parti per assimilarle bene, per avere ben chiaro ogni sfumatura della cerimonia che mi veniva narrata.

Nonostante questo, la lettura è comunque scivolata via in modo scorrevole, dandomi un delizioso senso di calore proprio come una buona tazza di tè. 🍵

Succedono tante cose, ma tu vivi con calma. Costruisci te stessa prendendo tutto il tempo necessario. La vita è vivere il momento in prospettiva.
– Ogni giorno è un buongiorno –

Seguimi su…